Domande & Risposte

Domande & Risposte

DUBBI, DOMANDE E RISPOSTE SUI PRODOTTI ACQUASMART
Di seguito elenchiamo le domande fatte da tutte le persone scettiche verso il mondo dei depuratori, persone che poi sono diventati nostri clienti e che ogni giorno utilizzano i nostri depuratori.

Perché i vostri impianti non hanno una lampada uv?

La lampada uv è necessaria quando è previsto un accumulo di acqua (ad esempio gli impianti di vecchia generazione con il bacile d’accumulo in cui l’acqua veniva conservata). Ora la tecnologia dei nostri Ingegneri ci ha portato a riuscire a produrre acqua pura in tempo reale, senza ristagni, senza accumuli con serbatoi ingombranti sottolavello.

Quali sono le certificazioni necessarie per poter commercializzare in Italia i depuratori?

E’ necessaria la marchiatura CE e la conformità al dm 443, certificazioni che la nostra produzione ha dal 1990.

Quanto durano le membrane osmotiche?

Qualora non esistesse il calcare e il cloro, le membrane avrebbero vita eterna. Il cloro viene bloccato dal carbone attivo posto a monte dell’impianto mentre i Sali che formano il calcare vengono separati dalle membrane. Mediamente le nostre membrane hanno una durata che varia dai 70.000 ai 100.000 litri di acqua prodotta (Quella che berremo e cucineremo in famiglia nei prossimi 12 anni)

Se le membrane si rovinano prima della manutenzione annuale come faccio a saperlo?

Di solito si nota poiché torna il bordo del calcare quando facciamo bollire un po’ di acqua in un pentolino (ad esempio quando facciamo il the). Qualora abbiate dei dubbi sulla qualità dell’acqua non esitate a contattarci per un test gratuito dell’acqua.

Se tra qualche anno per un motivo qualsiasi mi stufassi posso darlo indietro?

Purtroppo non esiste in commercio la possibilità di restituire un bene dopo degli anni dall’acquisto. Quello che facciamo – in maniera del tutto differente dalla concorrenza – è dare al cliente l’opportunità di assaggiare l’acqua prodotta dall’impianto installato prima di procedere, con la facoltà di recedere senza applicare alcuna penale. Abbiamo deciso dal 2012 di dare questa opportunità ai nostri clienti poiché la soddisfazione negli ultimi 5 anni al momento dell’acquisto è pari al 98,9%.

Quanta elettricità consuma?

180W solo quando eroga acqua, mentre il compressore dell’acqua fredda del Tuaeasyfull e del Tuaslimfull 400w solo quando porta il banco ghiaccio a temperatura.

Se ho già un’addolcitore devo mettere lo stesso l’impianto?

Certo. L’acqua addolcita non è consigliabile dal punto di vista sia del gusto che della salubrità. Infatti sebbene la durezza in gradi francesi scende sensibilmente, la conducibilità elettrica rimane pressocchè inalterata. La conducibilità elettrica è data dalla quantità di Sali presenti nell’acqua, che, in presenza di un addolcitore non viene modificata, anzi, la rigenerazione settimanale delle resine lascia comunque sodio nell’acqua addolcita.

Ho sottoscritto un contratto di manutenzione programmata, che succede se l’azienda un domani chiude?

Beh, vorrà dire che prima di noi avranno chiuso i battenti tutte le acque minerali poiché gli acquedotti erogheranno gratuitamente acqua frizzante e oligominerale, che avranno cambiato tutte le tubature che abbiamo in Italia dai tempi di Mussolini e avranno eliminato su tutto il territorio nazionale il calcare. Tutto questo ci porterà a non vendere più e a chiudere!

A parte gli scherzi, i raccordi dei nostri filtri sono ad attacco rapido e sono universali per tutti i tipi di carbone attivo presenti in commercio. Con i contratti di manutenzione programmata rimane comunque di proprietà del cliente l’impianto.  Siamo un’azienda giovane e in crescita, ci auguriamo il meglio per noi e per il nostro domani, ma se “del domani non v’è certezza” possiamo, per dimostrarvi la nostra trasparenza, consegnarvi al momento dell’installazione tutti i filtri previsti nelle manutenzioni programmate. Attenzione però, rimarrà vostra cura conservarli in un luogo asciutto, in assenza totale di umidità e lontano dalla luce solare affinchè non si rovinino.

So che è un’ottima cosa ma in questo momento non posso aggiungere rate, come posso fare?

Tanti nostri clienti, come lei, hanno pensato che aggiungere una spesa in un momento storico come questo potrebbe non rivelarsi una scelta giusta. In realtà si tratta solo si spostare una fornitura, anziché al supermercato per tutta la vita (con tutta la fatica connessa e lo smaltimento della plastica)  è meglio fare delle piccole quote che tra qualche mese finiranno, non trova?

Se perdessi il lavoro, potrei anche non comprare l’acqua e iniziare a bere quella del rubinetto, mentre se acquistassi l’impianto, anche a rate, dovrei comunque pagarvi lo stesso.

Certamente, ma in realtà è una falsa illusione poiché, da indagini di mercato, è risultato che chi entra in cassa integrazione e/o perde il lavoro, nell’87% dei casi non rinuncia a delle abitudini consolidate nel tempo come fumare, farsi una pizza ogni tanto e non modifica le abitudini di acquisto l’acqua al supermercato. Forse sarà più attento alle offerte e alle promozioni, acquisterà un’acqua in bottiglia che costa meno, ma non torna certo a bere acqua del rubinetto se questa abitudine non c’era prima.

I piani rateali con le nostre società finanziarie convenzionate comprendono, qualora il cliente lo richieda, anche un’assicurazione che copre qualora il cliente perda il lavoro.

QUALITA’ DELL’ACQUA

Ho sentito che il processo di osmosi elimina tutti i minerali dell’acqua e rende l’acqua distillata, è vero?

Certo. L’osmosi inversa industriale riesce a creare acqua distillata anche da semplice acqua del rubinetto, ma i nostri impianti sono conformi al dm 443, che prevede, qualora l’osmosi sia installata in un’abitazione o in un pubblico esercizio una regolazione dei Sali minerali e del sapore attraverso un bypass che crea un’acqua oligominerale, senza eliminare totalmente i Sali minerali disciolti.

Quali sono i parametri che garantite voi?

Garantiamo un residuo fisso che varia da 10mg/l a 150mg/l, una conducibilità che varia da 13µS a 250µS e una durezza in gradi francesi che va da 7° a 20°. Tutto questo viene regolato in base alle richieste del cliente relative al sapore e alla presenza di neonati. Infatti, dai recenti studi di medicina, è consigliabile adottare per i neonati acque oligominerali che non vadano oltre i 90mg/l di residuo fisso, la totale assenza di nitrati, cloruri, ammoniaca e metalli pesanti.

Se la faccio analizzare e non è come mi garantite voi?

Non ci è mai capitato, ma qualora si verificasse, ci contatti immediatamente e provvederemo a un’ulteriore analisi a nostro carico e, se dovesse ancora risultare con parametri non di legge, provvederemo al ritiro e alla  sostituzione totale dell’impianto.

Se al momento dell’installazione – o anche dopo – l’acqua non dovesse risultare di mio gradimento, come posso fare? Chi mi garantisce che poi mi piacerà?

Siamo sempre a vostra disposizione per tarare l’impianto secondo il gusto che più vi aggrada. Siamo certi di riuscire a dare ai nostri clienti il sapore richiesto poiché è possibile variarlo per mezzo di una valvola che regola il residuo fisso e quindi il sapore dell’acqua.

E’ un’acqua sicura per l’alimentazione di un neonato?

Nella maniera più certa. E non ci metto la mano sul fuoco, ma di più. Chi scrive ha una figlia che dal primo giorno di vita ha bevuto acqua dell’acquedotto trattata con un Tuaslimfull e ho sempre usato l’acqua del purificatore per preparare il latte in polvere, crema di riso, pappine e da settembre 2011 lo consiglio non solo dal punto di vista commerciale, ma soprattutto da quello di padre.

Se manca l’acqua da parte dell’acquedotto per un qualsiasi motivo (es. un lavoro ai tubi) quando riaprono la sporcizia dei tubi rovina l’impianto?

Assolutamente no, prima dell’entrata, l’acqua passa attraverso un filtro a maglia stretta (tipo quelli del rompigetto dei rubinetti) che blocca i sassolini, le impurità visibili ad occhio nudo. Poi successivamente passa attraverso un filtro a sedimenti e poi a carboni attivi. Solo allora entra nella pompa rotativa a palette che la spingerà a 9 bar nelle membrane

E’ possibile non eliminare tutti i Sali minerali ma avere comunque un’acqua oligominerale dal rubinetto?

Certo, la definizione di acqua oligominerale (dal greco “oligos” pochi) viene data a tutte le acque che hanno un residuo fisso inferiore a 500mg/l, possiamo quindi tarare l’impianto ad esempio sui 90mg/l oppure 150mg/l che sicuramente fa riferimento alla fascia di acque oligominerali più bevute in commercio

Ho sentito parlare del “depuratore che va per tutta la casa”, non è meglio così che uno solo sotto il lavello?

Sono due cose separate. L’addolcitore (depuratore per tutta la casa) rende l’acqua priva di calcare poiché viene trattenuto dalle resine a scambio ionico. Infatti scambiano calcio e magnesio [calcare] con il sodio e quindi la conducibilità elettrica rimane comunque alta. Il purificatore invece da sottolavello (osmosi) invece riesce ad abbattere la conducibilità attraverso la separazione dei Sali presenti anche nell’acqua addolcita attraverso il passaggio in fori più piccoli della molecola di sodio. L’addolcitore è utilizzato solamente per l’eliminazione del calcare da lavandini, docce, sanitari, ridurre il consumo di sapone, eliminare la spesa dell’ammorbidente e rendere capelli più lisci e pelle meno secca. Il purificatore ad osmosi inversa invece serve principalmente a “creare un collegamento diretto con un’acqua a 3000 mt di altezza” ovvero a creare un’acqua oligominerale anche dall’acquedotto più calcareo e più clorato che ci sia.

Se utilizzo molta acqua quanto durano i filtri?

I filtri hanno una durata di 8000 litri che corrisponde a un consumo giornaliero di circa 22 litri. Per bere e cucinare in una famiglia di 6 persone sono più che necessari.

Prima di voi è venuta un’altra ditta che mi ha proposto un filtro a carboni attivi dicendo che è meglio dell’osmosi perché non leva proprio tutti i minerali, è vero?

Certo, la microfiltrazione non interviene sui Sali minerali disciolti ma solo sull’eliminazione del cloro e dei metalli pesanti. Ma neanche gli impianti ad osmosi ad uso domestico eliminano i Sali minerali poiché è presente nell’impianto un bypass che riesce a regolare sia il sapore che i Sali minerali, garantendo un’acqua conforme al DM 443. Se non fosse un procedimento affidabile non sarebbe utilizzata dalla Nasa, dalla Marina Militare e dall’acquedotto di Los Angeles per creare acqua pura dalle falde fognarie.

Posso fare una scorta di filtri e poi smontare l’impianto e sostituirli da solo?

Se è dotato di una buona manualità, un kit di sanificazione e un conducimetro si. Ma consigliamo l’intervento del nostro tecnico poiché il DM443 prevede che la manutenzione sia fatta dall’azienda che installa. Consigliamo l’intervento di un tecnico specializzato poiché si potrebbe con qualche manovra sbagliata bruciare la centralina o il motore.

Non usavo l’impianto da più di sei mesi e l’acqua ha un sapore strano, come faccio?

Può darsi che il carbone attivo sia da cambiare. Ci contatti e richieda anche una sanificazione dell’impianto. Con alcuni pacchetti di manutenzione programmata è inclusa; qualora non lo fosse ha un costo di 20€

Uso l’impianto spesso ma da un po’ fa un rumore strano, cos’è?

Può essere un rumore derivante dal sostegno del motore o un affaticamento della macchina. E’ necessario l’intervento del tecnico. Se rientra nel contratto di manutenzione programmata in molti casi l’uscita del tecnico è gratuita e il pezzo rientra nella garanzia. Ci contatti comunque.

L’acqua gassata prodotta dai vostri erogatori è diversa da quella imbottigliata?

Assolutamente no, anche i produttori di acque minerali, a volte utilizzano l’anidride carbonica per gasare l’acqua. Acquasmart riesce a ricreare anche il sapore delle acque minerali effervescenti naturali, ci contatti e richieda una prova senza impegno!

SCRIVICI PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

PRIVACY: Informativa uso dei dati personali, art.13 D.Lgs.196/03. Leggi QUI

CHIUDI
CLOSE